][

The Stooges ][ Funhouse

Posted in Recensioni by eccessivopostmoderno on 5 novembre 2008
200px-the_stooges-funhouse

1970, Elektra
Ann Arbor, Michigan, USA us.png
Produttore: Don Gallucci

myspace.com/iggyandthestooges
L’album che impone sulla scena musicale il gruppo di Iggy Stooge (che d’ora in poi sarà Pop), porta alla luce il vero e proprio punk rock. Questo secondo full length della band di Detroit sancisce la loro follia sterminata (“1970”), arricchita dai sussurri jazz del nuovo sassofonista Steve MacKay. All’epoca bistrattato, Funhouse mostra in modo spietato un lato oscuro della società della quale Pop & Co. sono gli orgogliosi alfieri; da notare i pezzi più lunghi che mirano a portare nelle registrazioni in studio la carica drogata espressa nei loro live.
Annunci
Tagged with: , ,

Black Sabbath ][ Paranoid

Posted in Recensioni by PartyAnimal on 20 gennaio 2008
200px-blacksabbath-paranoid.jpg

1970, Vertigo
Birmingham, Inghilterra england.png
Produttore:
Rodger Bain

www.blacksabbath.com
7 mesi dopo il debutto, i Black Sabbath completano l’enunciazione della propria visione musicale; le jam libere qui vengono dotate di una direzione ben focalizzata, epica e drammatica nel contempo. I temi narrati spaziano dall’orrorifico soprannaturale alle vicissitudini della vita reale. E’ l’album di maggior successo della band inglese, nonchè il più influente; riff come quelli di “Iron Man” o “Paranoid” sono entrati nell’immaginario musicale comune e ci rimangono da quasi 40 anni. Imprescindibile.

(more…)

Tagged with: ,

Black Sabbath ][ Black Sabbath

Posted in Recensioni by PartyAnimal on 20 gennaio 2008
200px-blacksabbath-blacksabbath.jpg

1970, Vertigo
Birmingham, Inghilterra england.png
Produttore:
Rodger Bain

www.blacksabbath.com
Pioggia incessante, il rintocco di campane lontane.. una creatura melliflua si fa strada tra le viscere della terra e viene alla luce nel mezzo di un camposanto.. è un atroce funerale per chiunque abbia la sventura di incontrarla. Il sabba nero è iniziato e noi ne siamo le vittime sacrificali. Atmosfere maligne, derivazioni blues, l’influsso degli Zeppelin, pura psichedelia: chiunque oggi suoni o ascolti metal e derivati è debitore nei confronti di Ozzy, Tony, Geezer e Bill. O della creatura che loro hanno incontrato.

(more…)

Tagged with: ,