][

The Stooges ][ Funhouse

Posted in Recensioni by eccessivopostmoderno on 5 novembre 2008
200px-the_stooges-funhouse

1970, Elektra
Ann Arbor, Michigan, USA us.png
Produttore: Don Gallucci

myspace.com/iggyandthestooges
L’album che impone sulla scena musicale il gruppo di Iggy Stooge (che d’ora in poi sarà Pop), porta alla luce il vero e proprio punk rock. Questo secondo full length della band di Detroit sancisce la loro follia sterminata (“1970”), arricchita dai sussurri jazz del nuovo sassofonista Steve MacKay. All’epoca bistrattato, Funhouse mostra in modo spietato un lato oscuro della società della quale Pop & Co. sono gli orgogliosi alfieri; da notare i pezzi più lunghi che mirano a portare nelle registrazioni in studio la carica drogata espressa nei loro live.
Tagged with: , ,

Paramore ][ Riot!

Posted in Recensioni by PartyAnimal on 28 maggio 2008

2007, Fueled by Ramen
Franklin, Tennessee, USA us.png
Produttore:
David Bendeth, John Janick

www.myspace.com/paramore “Misery Business”
Power pop? Essenzialmente sì, inni da cantare a squarciagola, dedicati ai ragazzini 13enni, con una produzione stellare a fare da contorno. Ma i Paramore non sono solamente le energiche melodie vocali intrecciate da Hayley Williams, arancio crinita frontwoman tutto pepe, bensì una band fondata sui fratelli Farro, chitarra e batteria capaci di comporre con completezza, nonostante la giovane età. I paragoni con Avril Lavigne sono inevitabili, ma la genuinità di questa proposta vince sul preconfezionamento della ribelle canadese.
Tagged with: , , ,

Refused ][ The Shape Of Punk To Come

Posted in Recensioni by PartyAnimal on 17 maggio 2008

1998, Burning Heart
Umeå, Svezia se.png
Produttore:
E. Lövström, A. Nilsson, P. Henricsson, Refused

www.burningheart.com/refused/
Nel 10° anniversario dall’uscita e dal successivo scioglimento della band, questo disco rimane una pietra miliare nel transito tra hardcore-punk e post-hardcore. Rifiutandosi di seguire le mode punk o il filone troppo politicizzato, quattro ragazzi di Umeå hanno concepito un album libero da schemi, viralmente pregno di infiltrazioni elettroniche, noise, jazz e messaggero di un nuovo modo di concepire l’hardcore, passando da momenti atmosferici a sfuriate senza controllo, da attimi di inaspettata ilarità a sequenze severe e riflessive.

(more…)

Tagged with: , , ,