][

Jethro Tull ][ Aqualung

Posted in Recensioni by eccessivopostmoderno on 6 dicembre 2008
200px-jethrotull-aqualung

1971, Island / Reprise
Blackpool / Luton, Inghilterra england.png
Produttore: Ian Anderson, Terry Ellis

www.j-tull.com
Indiscusso capolavoro progressive, riff d’apertura distorto e copertina indimenticabili. Se vi capita di dedicare i vostri pensieri agli emarginati e alla morte vi sarà impossibile lasciarsi soltanto lambire dall’irruenza intelligente delle prime 6 tracce/caricature, gioielli sonori che scardinano la struttura della rock-blues song introducendo i famosissimi fiati ora giunti a piena maturazione. Provocante la mini-suite ‘My God’, bruciante satira sul tema della religione che introduce la seconda parte del disco, dichiaratamente “pro-Dio ma anti-Chiesa”.
Annunci
Tagged with: , ,

Enslaved ][ Vertebrae

Posted in Recensioni by PartyAnimal on 22 novembre 2008

2008, Indie Recordings
Haugesund, Norvegia no.png
Produttore:
Joe Barresi [Mix], George Marino [Master]

www.myspace.com/enslavedmusic “The Watcher”
Fragilità e forza umana, simbolicamente racchiuse nel tessuto osseo  che forma una vertebra, rappresentano le fondamenta del 10° album di casa Enslaved. La deriva progressive di Isa e Ruun viene qui elevata all’ennesima potenza, evocata in sognanti atmosfere Settantiane, esplicitata in malinconici cori e assoli dal sapore Pink Floydiano. Isocrone, le parti più tirate a base di blast beats e growls, innescano un processo di ibridazione che può riuscire solo ad una grande band, una sorta di viaggio con gli Yes nello Spazio cosmico.
Tagged with: , ,

Bleeding Through ][ Declaration

Posted in Recensioni by PartyAnimal on 7 novembre 2008
200px-bleeding_through-declaration

2008, Trustkill / Roadrunner
Orange County, California, USA
Produttore: Devin Townsend

myspace.com/bleedingthrough “Death Anxiety”
Infiammata dalla diatriba con la propria label, la nuova “dichiarazione” del combo californiano è un assalto sonoro con un’urgenza ai limiti dell’industrial ed una produzione over-compressa ma tagliente, grazie ad un martellante Derek Youngsma e alle atmosfere quasi black della sempre più prominente Marta Peterson. I chorus melodici ridotti all’osso lasciano spazio ad uno screaming contagioso, rinforzato nella titletrack da Tim Lambesis (As I Lay Dying). 4 tracce (su 12) sono dedicate ai ricordi evocati da città o stati visitati in tour.
Tagged with: ,

Cradle of Filth ][ Godspeed on the Devil’s Thunder

Posted in Recensioni by PartyAnimal on 6 novembre 2008

2008, Roadrunner
Suffolk, Inghilterra
Produttore: Andy Sneap

myspace.com/cradleoffilth “Honey and Sulfur”
Riemergono dal profondo degli inferi i Vampiri inglesi, nel 10° anniversario di Cruelty and The Beast, non a caso con un concept album, incentrato sulla figura del primo serial killer che abbia orribilmente segnato con le sue nefandezze la storia, Gilles de Rais. Le orchestrazioni avvolgono con vellutata inevitabilità il sodato riffing di Paul Allender e le urla sgraziate di Dani Filth, annunciatrici delle catastrofi incombenti; Martin Skaroupka riesce nell’operazione di rinfrescare le partiture percussive, rimpiazzando ottimamente Adrian Erlandsson.
Tagged with: , , ,

The Jimi Hendrix Experience ][ Electric Ladyland

Posted in Recensioni by eccessivopostmoderno on 5 novembre 2008
200px-jimihendrix-ell

1968, Reprise
Seattle, Washington, USA us.png / London, Inghilterra england.png
Produttore: Jimi Hendrix

www.jimihendrix.com
Ecco cosa succede quando droga e musica si combinano in modo eccellente. Non solo questo album è una pietra miliare in ambito rock, ma il terzo ed ultimo (siamo nel 1968, Hendrix entra tristemente nel ‘Club 27’) lavoro di Jimi primeggia portando l’EXPERIENCE al limite organico di psichedelia, blues, funk, r’n’r, r’n’b. In seguito all’abbandono del produttore e dei musicisti, il talento, ora svicolato, reinventa in un colpo solo tecniche, mix, cori e registrazione, perdendosi in indimenticabili jam session.
Tagged with: , , ,

The Stooges ][ Funhouse

Posted in Recensioni by eccessivopostmoderno on 5 novembre 2008
200px-the_stooges-funhouse

1970, Elektra
Ann Arbor, Michigan, USA us.png
Produttore: Don Gallucci

myspace.com/iggyandthestooges
L’album che impone sulla scena musicale il gruppo di Iggy Stooge (che d’ora in poi sarà Pop), porta alla luce il vero e proprio punk rock. Questo secondo full length della band di Detroit sancisce la loro follia sterminata (“1970”), arricchita dai sussurri jazz del nuovo sassofonista Steve MacKay. All’epoca bistrattato, Funhouse mostra in modo spietato un lato oscuro della società della quale Pop & Co. sono gli orgogliosi alfieri; da notare i pezzi più lunghi che mirano a portare nelle registrazioni in studio la carica drogata espressa nei loro live.
Tagged with: , ,

Omnium Gatherum ][ The Redshift

Posted in Recensioni by PartyAnimal on 24 ottobre 2008

2008, Candlelight
Finlandia fi.png
Produttore: Dan Swan
ö

myspace.com/omniumgatherum “Nail”
Cospicue le infiltrazioni presenti nel quarto full length della band finlandese, tanto che gli stessi musicisti faticano a trovare la propria identità; se la partenza  ha molto da spartire con le sonorità neo-classiche dei conterranei Children of Bodom, presto la melodia del death svedese si impadronisce della scena, per lasciare a sua volta il posto a rallentamenti di stampo gothic e atmosfere ammalianti. In ogni circostanza le composizioni sono accattivanti, trainate da un guitar work incisivo e immediato, e da una produzione cristallina e potente.
Tagged with: ,

Kings of Leon ][ Because of the Times

Posted in Recensioni by eccessivopostmoderno on 22 ottobre 2008

2007, RCA
Columbia, Tennessee, USA us.png
Produttore: Ethan Johns, Angelo

www.myspace.com/kingsofleon “Charmer”
Dopo i primi ottimi album Southern Rock, con questo terzo lavoro il gruppo di Nashville lascia stupiti per le attitudini espressive dei componenti. Post-punk, folk, classic rock, reggae partecipano alla creazione di un sound che sfugge alle definizioni: in piena ricerca artistica, tre fratelli e un cugino cavalcano sbrigliati oltre i confini del folk (“Knocked up”, “Trunk”), sostando su un rock pieno, a tratti aggressivo (“Charmer”) e strizzando l’occhio a quello radiofonico, assorbito in seguito all’esperienza di opener nel tour degli U2 (“Fans”).
Tagged with: , ,

Trivium ][ Shogun 将軍

Posted in Recensioni by PartyAnimal on 17 ottobre 2008

2008, Roadrunner
Orlando, Florida, USA us.png
Produttore:
Nick Raskulinecz, Colin Richardson [M]

www.myspace.com/trivium “Down From The Sky”
Lasciate da parte le velleità di nuovi Metallica, il giovane quartetto ritrova gli efficaci scream gutturali di Matthew Heafy e gli intensi assoli della coppia Heafy-Beaulieu, oltre ad una dose di riff dannatamente ben congeniati. Le tematiche mitologiche greco/giapponesi fanno da sfondo all’album della rivincita nei confronti degli scettici e dei detrattori, dove la complessità delle tracce (sfocianti nella titletrack di quasi 12 minuti) non lascia spazio ad eventuali hit da classifica e la melodia è focalizzata in ritornelli ad elevato impatto emotivo.
Tagged with: , ,

AA.VV. ][ Century Media: Covering 20 Years of Extremes

Posted in Recensioni by PartyAnimal on 17 ottobre 2008

2008, Century Media
Dortmund, Germania de.png
Produttore: \

www.myspace.com/centurymedia
Per festeggiare il Ventennale dalla creazione dell’etichetta, ecco riuniti in 32 cover (per lo più inedite) tutti gli artisti che hanno fatto la storia del marchio; vecchie e nuove glorie si rendono vicendevolmente tributo, arrivando a scambiarsi addirittura il favore nel caso di Arch Enemy e Dream Evil. Una compilation immancabile per riscoprire gemme del passato riarrangiate dalle giovani leve e per saggiare sorprendenti stravolgimenti di genere e intenzione (su tutte  “Leaves” dei The Gathering ad opera dei Kivimetsaen Druidi).
Tagged with: , , , , , ,